.
Annunci online

reale e femminista
SOCIETA'
16 febbraio 2012
Di padri perfetti e di rivoluzioni

Stiamo facendo tanto per decostruire il mito della madre perfetta ed ecco che spunta quello del padre perfetto. A tirarlo fuori dal cilindro è questo articolo pubblicato oggi su Repubblica che riepiloga i risultati di uno studio di una giovane sociologa appena pubblicato sull'Osservatorio Isfol, la rivista storica dell'Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori. Peccato però che il pezzo usi toni trionfalistici  ("rivoluzione silenziosa" della paternità e della coppia, "sentiero che dall'asimmetria conduce alla simmetria") del tutto a sproposito, senza contestualizzarli e trasformando un'avanguardia di pochi volenterosi in una tendenza strutturale che l'Italia è ben lontana dal registrare, purtroppo. Basta leggere il testo integrale della ricerca per accorgersene.

Ma andiamo con ordine.
Maria Novella De Luca, l'autrice dell'articolo che pure leggo sempre volentieri, esordisce così:
"C'è una generazione di uomini - hanno tra i 30 e i 35 anni, vivono nel Centro Nord, hanno buoni titoli di studio, compagne che lavorano e figli molto piccoli - che sta scoprendo e sperimentando giorno dopo giorno un nuovo modo paritario, interscambiabile, concreto e fisico di essere padri, e naturalmente mariti e compagni. Padri "high care", collaborativi, partecipi, insomma quasi "perfetti"".
Tracciando l'identikit statistico del padre collaborativo, prima di infilare le interviste di rito a papà perfetti o presunti tali, aggiunge:
"Dati che a leggerli bene raccontano anche quanto sono cambiati i sentimenti e le leggi dell'amore all'interno di una coppia, e quanto, anche, l'esplosione dei canoni tradizionali del lavoro stia mutando per sempre la struttura delle giovani famiglie".

Scritta così, sembrerebbe che tutti gli uomini tra i 30 e i 35 che hanno le caratteristiche elencate sono padri "high care". Magari.
Lo studio condotto da Tiziana Canal rivela tutt'altro spaccato e infatti arriva a conclusioni molto meno entusiastiche.
Intanto l'articolo omette un dettaglio fondamentale: l'obiettivo della ricerca non era quello di verificare quanto bravi siano diventati i papà italiani ma capire quali fattori possono servire a incoraggiare la condivisione nella cura familiare per far uscire l'Italia dalla grave situazione in cui perdura, che la sociologa puntualmente ricorda:
- abbiamo tassi di occupazione femminile tra i più bassi dell'Ue (46 donne occupate su 100);
- abbiamo il "delicato fenomeno dell'inattività femminile": sono molte le donne che lasciano il lavoro in occasione della maternità e spesso lo fanno in maniera definitiva;
- la quota di lavoro familiare di cui le donne si fanno carico è più impegnativa rispetto agli altri Paesi mentre il contributo degli uomini resta tra i più bassi al mondo;

- l'utilizzo del congedo parentale da parte dei padri italiani è molto limitato.

Sottolineato il contesto, che la giornalista purtroppo non ricorda neanche velocemente, l'autrice descrive il metodo: Canal ha sì "basato la sua indagine su seimila interviste a donne tra i 25 e i 45 anni", ma queste interviste non erano originali bensì appartenenti a un campione usato dall'Isfol per una ricerca sui fattori determinanti l'inattività femminile. Tanto è vero che delle 6mila intervistate ben 4mila erano inattive. Da questo campione Canal ha ulteriormente estratto le donne sposate o conviventi con figli (4.289) e, in base alle loro dichiarazioni, ha distinto i partner in "high care" o "low care", collaborativo o non collaborativo. 
E qui arriva la pioggia di omissioni più gravi dell'articolo: da nessuna parte la giornalista scrive che il 54,6% delle donne ha ancora come partner un low care, che la quota più alta di high care è riscontrabile tra gli inattivi e i disoccupati (60%) seguiti dai precari (47%) - come a dire: non lavorano, quindi scoprono la paternità - e che, soprattutto, se la "cura dei figli" (concetto che sarebbe utile però far esplodere perché un conto è giocare un altro è vestirli, farli mangiare e addormentarli come suggerisce la giornalista) è un'attività molto diffusa tra i padri (si va dal 79% dei partner delle donne inattive all'88% delle occupate), cucinare e pulire sono ancora appannaggio quasi esclusivo delle mogli e compagne. In particolare, pulisce il 37,5% dei partner delle occupate e appena il 19,6% di quelli delle inattive. Va un po' meglio con la spesa: la fa il 68% dei partner delle occupate e il 55% di quelli delle inattive. Mentre nelle attività tradizionalmente ritenute maschili, come la gestione amministrativo-finanziaria e quella di affari e rapporti, ecco che gli uomini tornano in quota (vi si dedica oltre il 70% di tutti i compagni).

E allora che cosa ha davvero scoperto la ricerca? Non che l'Italia conta qualche nuovo padre collaborativo (l'acqua calda) ma che la mera probabilità di avere un compagno high care è più alta se la donna lavora (a conferma che se non favoriamo l'occupazione femminile è matematicamente impossibile vagheggiare di condivisione della cura familiare), se ci sono figli con meno di 3 anni, se si vive al Nord e - udite udite - se la compagna proviene da un contesto in cui le donne lavoravano. "L'aspetto più interessante - sottolinea la sociologa - è che la propensione alla cura è influenzata più dalle caratteristiche della donna che da quelle dell'uomo". Più siamo attive, più siamo vissute in un tessuto socioculturale paritario, più abbiamo capacità di negoziare con i partner e più riusciamo a innescare la partecipazione maschile.
Non a caso la ricerca si conclude con un appello di Tiziana Canal a considerare "il senso e le opportunità che gli strumenti legislativi come il congedo di paternità obbligatorio possono concretamente offrire alle famiglie. Un congedo obbligatorio può essere un segnale, oltre che uno strumento, per abbattere quella cultura della disuguaglianza che concepisce ancora, in molte aree del nostro paese, una divisione dei ruoli di genere asimmetrica e tradizionale. Inoltre può offrire un'occasione, soprattutto nel nostro Paese, per affrontare il delicato tema della partecipazione delle donne al mercato del lavoro, poiché l'aumento dei (bassi) livelli di attività femminile può diventare un obiettivo attraverso il quale si potrebbe perseguire anche l'aumento dei livelli di condivisione familiare da parte dei padri".
Peccato, quindi, che invece di raccogliere l'appello e di usarlo per richiamare i drammatici tassi di occupazione e di inattività femminile e i rimedi possibili a partire dal congedo obbligatorio, l'articolo si concluda con un monito di Francesca Zajczyk, sociologa dell'Università Bicocca di Milano molto esperta di questione femminile e però in questo caso "fuori contesto": "Le donne depositarie del potere della maternità devono imparare a delegare e lasciare spazio ai padri e ai partner". "Anche in quella fase primaria della vita di un bambino che le donne, spesso, tendono a tenere tutta per sé", aggiunge di suo la giornalista. Come a dire: la colpa è nostra, delle gelose madri perfette. Capito?

Ricapitolando: dobbiamo lavorare quattro volte di più e cento volte meglio per ottenere gli stessi risultati dei colleghi (e però le italiane lavoratrici guadagnano cinque volte meno degli uomini, dato scritto nero su bianco nel Rapporto sulla coesione sociale 2011 di ministero del Lavoro, Istat e Inps e passato sotto silenzio), dobbiamo "imparare a delegare" mettendoci là con santa pazienza a spiegare ai nostri partner che se lavoriamo come e più di loro devono darci una manina anche a cucinare e a pulire (questo sempre che riusciamo a lavorare, altrimenti a casa ci stiamo noi e tutto resta immutato). E dobbiamo applaudirli - pat pat - se si accorgono, alle soglie del 2012, di quanto è bello prendersi cura dei propri figli.

Perdonatemi ma non ci sto a chiamarla rivoluzione. Le rivoluzioni, quelle vere, sono queste
 

1 febbraio 2012
L'eurodeputata e le ambiguità irrisolte del movimento

C'è un corto circuito da manuale che sta andando in scena in queste ore su Facebook: il gruppo di "Se non ora quando", il movimento che dal 13 febbraio dell'anno scorso dà voce al disagio delle donne italiane, ha condiviso la foto di un'eurodeputata italiana che tiene la sua neonata nella fascia mentre vota al Parlamento europeo. Tutti o quasi a esultare: la foto ha ottenuto 26mila "mi piace" e oltre 13mila condivisioni. Senonoraquando ha commentato: "Per una volta ci facciamo bella figura".
Ma chi è l'eurodeputata? Me lo sono chiesta subito e ho controllato: trattasi di Licia Ronzulli, nota alle cronache per essere l'organizzatrice delle serate a Villa Certosa e l'addetta alla logistica delle ragazze, e catapultata nell'Olimpo di Strasburgo per queste sue tatticissime "competenze". La foto, tra l'altro, risale all'autunno 2010. Manco a dire che fosse di stretta attualità.
Alle proteste di qualcuna contro l'imbarazzante curriculum, Senonoraquando risponde così: "Indipendentemente dalle valutazioni politiche la fotografia è una bella immagine perché rappresenta una donna che può scegliere se lasciare il figlio nato da poco a una baby sitter o portarlo con sé, in un ambiente dove non sarà discriminata perché si presenta con il figlio. Questo non ha niente a che vedere con la necessità di avere asili nido per le madri che devono lavorare. Qui si sta parlando della possibilità di scegliere".

La teoria è condivisibile ma il riferimento alla "bella immagine" in astratto mi ha fatto riflettere parecchio: ragionare per immagini e non per sostanza è  tipico di ciò che secondo me le donne italiane devono combattere. Il mio commento è stato il seguente: "Mi rammarica molto che Senonoraquando stia dando risalto a una "bella immagine" dimenticando la sostanza: Licia Ronzulli era l'organizzatrice delle serate a Villa Certosa e l'addetta alla logistica delle ragazze. Sono queste le "competenze" per le quali è stata catapultata a Strasburgo a rappresentarci. Vogliamo badare all'immagine o alla sostanza? Io credevo che Snoq si battesse proprio per rovesciare il paradigma che ci vuole inchiodate alle immagini, qualunque esse siano".

Mi pare evidente che all'interno del movimento permangano grosse contraddizioni. Nodi cruciali irrisolti. Non poteva esserci metafora più efficace di questa foto. Ma bisogna essere capaci di andare oltre l'immagine. 

SOCIETA'
26 novembre 2010
Se tutte...

Leggo e riporto da Internazionale di questa settimana, dedicato all'inchiesta di Newsweek sull'Italia ("Non è un Paese per donne": qui). I neretti sono miei.

Se tutte le donne andassero a scuola.
Se tutte le donne si laureassero.
Se tutte le donne smettessero di guardare i programmi televisivi dove le donne sono svilite.
Se tutte le donne non comprassero più i prodotti che fanno pubblicità usando il corpo delle donne.
Se tutte le donne imparassero a usare i contraccettivi.
Se tutte le donne denunciassero ogni violenza subita.
Se tutte le donne votassero solo le donne.
Se tutte le donne pretendessero dai mariti una divisione equa dei compiti familiari.
Se tutte le donne lavorassero.
Se tutte le donne che lavorano chiedessero di essere pagate di più.
Se tutte le donne imparassero una lingua straniera.
Se tutte le donne spiegassero alle figlie come funziona il loro corpo.
Se tutte le donne insegnassero ai figli come si stira una camicia.
Se tutte le donne imparassero a usare il computer.
Se tutte le donne aiutassero le altre donne.
Se tutte le donne si organizzassero.
Se tutte le donne facessero sentire la loro voce.

Se tutte le donne sapessero il potere che hanno.

Giovanni De Mauro
settimana [at] internazionale.it
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. violenza donne internazionale voce

permalink | inviato da bloGodot il 26/11/2010 alle 9:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
16 novembre 2010
Maternità e spaesamento

Qualche giorno fa sul blog di Loredana Lipperini è nata una bella discussione intorno al tema delle "super madri" e della pressione sociale sulla maternità. La segnalo perché merita:
http://loredanalipperini.blog.kataweb.it/lipperatura/2010/11/11/preoccupazioni/

Appuntamenti utili:

- un bel corso sull'attesa, la nascita e il rapporto con i bimbi fino a tre anni partirà da venerdì alla scuola steineriana di Roma:
http://www.giardinodeicedri.it/attesa.htm
Dedicato a chi non si sente all'altezza, appunto.

- giovedì 18 alle 18.30 nasce ufficialmente "Filomena, la rete delle donne". Il battesimo avverrà alla libreria Flexi di via Cavour:
http://www.filomenainrete.com/?p=452
Dedicato a tutte le donne che si sentono "spaesate" nel proprio Paese.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. donne maternità steiner lipperini filomena

permalink | inviato da bloGodot il 16/11/2010 alle 16:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
11 ottobre 2010
Quote rosa per i Nobel!

Ecco i Nobel assegnati quest'anno:

Letteratura: Mario Vargas Llosa
Medicina: Robert Edwards
Pace: Liu Xiaobao
Fisica: Andre Geim e Konstantin Novoselov
Chimica: Richard F. Heck, Ei-ichi Negishi e Akira Suzuki
Economia: Peter Arthur Diamond, Dale T.Mortensen e Christopher Pissarides

Undici premiati, nessuna donna. Non accadeva dal 2006.
Non che prima le donne sbancassero, sia chiaro: dal 1901, in centonove edizioni, sono appena 40 le donne che hanno vinto il prestigioso premio. Le trovate qui: http://nobelprize.org/nobel_prizes/lists/women.html
Morale: chi si distingue nei vari campi dello scibile umano, "apportando considerevoli benefici all'umanità", è quasi sempre un uomo. Almeno secondo la Fondazione Alfred Nobel, che ha sede in Svezia, Paese notoriamente "amico delle donne".

Che cos'è che non va, allora? Perché sono pochissime le donne che riescono a eccellere? Io una risposta ce l'avrei: il solito gigantesco tetto di cristallo che ci impedisce di arrivare al top. La solita dispersione di talenti che ci impedisce di incidere davvero.
Avrei anche una proposta: il Nobel con le quote. Che i saggi indichino obbligatoriamente un uomo e una donna. Sono sicura che ne troverebbero a bizzeffe, di economiste, scienziate, fisiche, chimiche e portatrici di pace che fanno ogni giorno, in silenzio, un gran bene all'umanità.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. donne nobel llosa pissarides

permalink | inviato da bloGodot il 11/10/2010 alle 16:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        maggio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte